CHI

la mia biografia
la mia infanzia è una tranquilla immersione nel mio immaginario. solo in rari momenti di curiosità alzo la testa per guardare altrove.
nel passaggio giovanile prende più spazio una componente gitana, una smania di persone in cerchio, di riunione, di teatro. avanzo lievemente, cammino, viaggio.
così il mio temperamento visionario diventa più maturo; mi diverto con tanti maestri, divoro cinema, mi butto negli studi accademici e in tanti percorsi formativi.
da grande tutto il mio mondo confluisce in una occupazione che faccio con cuore; la svolgo come soggetto piccolo e indipendente. questo è il mio vantaggio. 

la mia vocazione
ricerca, esperienza e trasformazione sono le mie parole e le mie tematiche di riferimento.
mi interessa – da sempre – percorrere strade che ispirano, insegnano qualcosa, modificano. questo mi ha spinto verso l’arte e la relazione educativa.
nello studio e nell’esercizio di queste discipline ho riscontrato che è possibile migliorare la conoscenza di se stessi e realizzarsi come persone, sviluppare il senso critico, nutrire il rischio, allenare la libertà, creare delle alchimie, essere sempre nuovi, evolversi.
per questi motivi ho scelto di occuparmi delle pratiche artistiche e dei processi educativi, proponendo iniziative per favorire le trasformazioni.
quello che faccio è invisibile e minimo. io aspetto, con tutta calma, di avere ragione. anche questo è il mio vantaggio. 

chi-sono